I farmaci antidolorifici causano un ictus o un infarto?

Potrebbe un ictus o un attacco di cuore essere causato dall'assunzione di antidolorifici? Gli scienziati dell'Istituto di Berna credono che sia così. Gli studi svizzeri includevano naprossene, ibuprofene, diclofenac, celecoxib, etoricoxib, rofecoxib e lumiracoxib e hanno dimostrato che non sono completamente sicuri per i pazienti con problemi cardiaci.

Gli analgesici come naprossene, ibuprofene, diclofenac, celecoxib, etoricoxib, rofecoxib e lumiracoxib possono causare ictus o infarto. Queste sono le conclusioni tratte da 31 studi clinici condotti su oltre 116.000 pazienti di età superiore ai 65 anni.

Quali antidolorifici possono causare un ictus o un infarto?

Antidolorifici: naprossene, ibuprofene, diclofenac, celecoxib, etoricoxib, rofecoxib sono farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), alcuni dei quali contengono i cosiddetti un inibitore selettivo della COX-2 che attacca direttamente l'enzima che causa infiammazione e dolore.
Gli antidolorifici naprossene, ibuprofene, diclofenac, celecoxib, etoricoxib, rofecoxib e lumiracoxib sono utilizzati in pazienti affetti da varie malattie reumatiche e osteoporosi.
Risulta che quando questi farmaci vengono assunti regolarmente a dosi elevate per un periodo di tempo prolungato - come nel caso delle malattie reumatiche o dell'osteoporosi - aumenta la probabilità di avere un ictus o un infarto.

Farmaci FANS: precauzioni

Gli autori degli studi sottolineano che, nonostante l'elevata incertezza, non ci sono prove convincenti che suggeriscano che nessuno dei farmaci studiati sia sicuro per il sistema cardiovascolare e raccomandano che quando prescrivono farmaci da questo gruppo, i medici dovrebbero prendere in considerazione se il paziente ha problemi con il sistema cardiovascolare. sistema circolatorio.
Va sottolineato che considerando il numero di pazienti che assumono questi farmaci, il numero di casi di ictus e infarti è davvero esiguo, ma questo non significa che il rischio possa essere ignorato.

Tag:  Dieta-E-Nutrizione Bellezza Psicologia 

Articoli Interessanti

add