I vaccini provengono da feti abortiti?

I vaccini provengono da feti abortiti? Recentemente, un vecchio argomento è tornato nelle discussioni online sull'etica dei vaccini secondo cui alcuni di essi erano fatti da cellule prelevate da bambini abortiti. Sempre più persone credono in questa teoria. Qual è la verità? Spiega il dottor hab. Ewa Augustynowicz del Dipartimento di ricerca su siero e vaccino presso l'Istituto nazionale di sanità pubblica - PZH.

Le questioni etiche sono legate a tutte le attività di una persona che si occupa di protezione e prevenzione della salute. Ciò vale non solo per dare il consenso informato a sottoporsi a una procedura medica, ma anche per questioni relative alla questione di come è stata condotta la ricerca su un determinato farmaco. Recentemente, il vecchio argomento è tornato nelle discussioni online sull'etica dei vaccini secondo cui alcuni di loro erano fatti da cellule prelevate da feti abortiti. Qual è la verità?

I vaccini provengono da feti abortiti?

“Dire che i vaccini provengono da cellule di feti abortiti è una scorciatoia così breve da non essere vero. Innanzitutto, non stiamo parlando di tutti i vaccini, ma solo di tre: contro la rosolia (disponibile come vaccino contro morbillo, parotite e rosolia), la varicella e l'epatite A (epatite A) - spiega il dott. Ewa Augustynowicz del Department of Serum and Vaccine Research presso il National Institute of Public Health - PZH in un'intervista al portale www.zaszczkasiewiedza.pl

La frase secondo cui i vaccini provengono da cellule di feti abortiti è una scorciatoia così grande da non essere vera - afferma il dottor Augustynowicz.

- In secondo luogo, e soprattutto, i vaccini in questione sono stati creati con l'utilizzo di due linee cellulari, ovvero cellule derivate da colture di cellule moltiplicate in laboratorio, derivate da cellule embrionali umane utilizzate per coltivare virus vaccinali - aggiunge il dottor Augustynowicz.

In entrambi i casi, l'aborto è avvenuto negli anni '60 ed è stato eseguito per motivi non medici, dopo una sentenza del tribunale. Se vogliamo confrontare questa situazione con qualsiasi procedura medica a noi nota, allora possiamo parlare di donazione come nel caso della donazione di organi. Pertanto, gli aborti non sono stati eseguiti per raccogliere le cellule fetali.

Leggi anche: Sempre più bambini non vaccinati nei grandi agglomerati Vaccini - il più grande alleato della salute "Inoculare con conoscenza" - campagna che promuove fonti affidabili di informazione su ... Secondo un esperto, il prof. Włodzimierz Gut

Sul sito web del NIPH-NIH è possibile trovare informazioni del professor Włodzimierz Gut, che spiega la procedura di raccolta delle cellule dai feti più di mezzo secolo fa: "Invece di sottoporre l'embrione a un utilizzo standard (combustione), dalle cellule di questo embrione è stata ricavata una linea cellulare diploide, che è attualmente utilizzata per la produzione di un vaccino. Il processo per ottenere una linea cellulare da cellule embrionali che verrebbero comunque rimosse (sentenza del tribunale) è analogo al prelievo di organi dal defunto e non ha nulla a che fare con l'aborto. "

I vaccini sono etici?

I credenti fanno domande sull'aspetto morale dell'uso di questi vaccini. - Non ci sono vaccini contro morbillo, parotite, rosolia ed epatite A in Europa che non siano stati prodotti utilizzando una linea cellulare raccolta negli anni '60. Con questi vaccini, a causa di severi requisiti di sicurezza, i virus utilizzati nella produzione di vaccini da altre linee cellulari, ad esempio linee animali, non possono essere moltiplicati. Se ci fosse un altro modo per moltiplicare i virus, sarebbe sicuramente già utilizzato - risponde inequivocabilmente il dottor Augustynowicz.

Padre Paweł Bortkiewicz, professore di scienze teologiche specializzato in teologia morale, parlando al portale www.zaszstawsiewiedza.pl, chiarisce: questo sarebbe un dubbio sulla sua origine) c'è la possibilità di vaccinazione, come afferma il documento della Pontificia Accademia Pro Vita. Tuttavia, supponendo che la trasparenza delle informazioni sia un elemento di democrazia, sembra essenziale fornire informazioni sull'origine dei vaccini e ottenere preparati alternativi che non sollevano dubbi etici sulla fonte della loro origine.

Pertanto, la mancanza di un'alternativa in Polonia significa che l'atto di vaccinazione non è un atto moralmente riprovevole. Inoltre, l'atteggiamento con cui esponiamo noi stessi e i nostri cari ai potenziali rischi di malattie e complicazioni che sono, nella maggior parte dei casi, evitabili con la vaccinazione non può essere giustificato. Se vogliamo agire eticamente e moralmente, dovremmo cercare fonti di informazione affidabili, supportate dalla conoscenza delle autorità mediche e della ricerca scientifica, e solo allora prendere decisioni sulla questione più importante per tutti: la salute.

Articolo consigliato:

L'autismo da vaccino è un mito: la teoria che collega la vaccinazione con l'autismo era un con ... Tag:  Rigenerazione Notizia Sesso 

Articoli Interessanti

add