Trapianto familiare. Da chi si possono ottenere organi per trapianto familiare

I trapianti di organi viventi hanno sempre più successo. Puoi salvare la vita di un parente con il tuo stesso rene, parte del fegato o midollo osseo. Sfortunatamente, in Polonia, rispetto ad altri paesi europei, i trapianti familiari da donatori viventi vengono eseguiti raramente, e sono loro che danno al paziente le migliori possibilità di recupero completo.

Il trapianto familiare, quando il donatore è una persona vivente, può essere eseguito in tre casi: quando il paziente necessita di reni, fegato, midollo osseo o globuli periferici sani. La rimozione di tessuti o di un organo è possibile da una persona geneticamente imparentata (padre, madre, fratello) o emotivamente (coniuge). La donazione di organi è possibile anche quando il donatore e il ricevente hanno stretti rapporti. Questo termine è estremamente ampio. Va sottolineato che ogni prelievo d'organo da una persona che ha uno "stretto rapporto" con il ricevente viene analizzato in dettaglio dal Comitato Etico del Consiglio Nazionale Trapianti e richiede l'approvazione del tribunale. La commissione e il tribunale devono assicurarsi che il donatore non sia stato sottoposto a pressioni per donare, ad esempio, un rene. La donazione potrebbe non essere oggetto di una transazione finanziaria.

Trapianto di fegato familiare

Molto spesso, i destinatari del frammento di fegato sono bambini piccoli. Il trapianto di fegato adulto-adulto è estremamente difficile e rischioso. Devi raccogliere fino al 40 percento dal donatore. organo. Questo è molto, perché sebbene il fegato possa rigenerarsi, deve affrontare un grave infortunio subito dopo aver preso un frammento di esso. Il rischio di morte con tali donazioni è piuttosto alto, poiché ammonta allo 0,5-0,6%. Il primo trapianto di fegato riuscito in un bambino è stato effettuato dal prof. Piotr Kaliciński al Children's Memorial Health Institute. In questa struttura vengono effettuati dal 1999 trapianti di fegato in bambini da donatori viventi. Il trapianto di un frammento di fegato da un parente è un'ottima soluzione per i bambini piccoli per i quali è molto difficile ottenere un organo da una persona deceduta. Prendere un frammento di fegato da un padre o da una madre per un bambino ha molti vantaggi. Prima di tutto, consente una valutazione molto accurata del fegato del donatore, riducendo al minimo il rischio di un trapianto di organi inadeguato. In secondo luogo, il trapianto stesso avviene nelle condizioni ideali di un intervento chirurgico elettivo, incomparabili con il trapianto di un organo dal cosiddetto pickup multiorgano, cioè dopo la morte umana. In terzo luogo, il tempo che intercorre tra il prelievo dell'innesto e il collegamento alla circolazione del ricevente (il cosiddetto tempo di ischemia fredda) non supera alcune ore, mentre nel caso di un trapianto da deceduto è solitamente tre volte più lungo.

Trapianto di rene familiare

Il trapianto di rene familiare in Polonia rappresenta solo il 3%. tutti i trapianti di rene. Per fare un confronto, in Norvegia è circa il 45% e negli Stati Uniti la maggior parte dei reni trapiantati viene raccolta da donatori viventi. - Ci sono molti argomenti a favore della raccolta di reni da donatori viventi - afferma il prof. Wojciech Rowiński, capo dell'Unione polacca di medicina dei trapianti. Prima di tutto, prendere un organo da una persona vivente ti consente di pianificare con precisione il tempo dell'operazione. Il rene rimosso viene brevemente fuori dal sistema circolatorio e quindi, per dirla semplicemente, rimane completamente funzionale. Ma c'è un argomento più importante: un rene prelevato da un donatore vivente funziona correttamente per 15-18 anni, mentre un rene prelevato da una persona deceduta funziona correttamente per un periodo più breve di circa 9-10 anni. Sembrerebbe che questi fatti dovrebbero convincere tutti. Ma nel 2012 sono stati trapiantati 1.094 reni da donatori deceduti e solo 51 da donatori viventi. Secondo Poltransplant, nel dicembre 2012 c'erano 1.620 persone nella lista dei trapianti di rene qualificati, cioè 475 pazienti non potevano essere aiutati a causa della mancanza di un organo per il trapianto. Sebbene il numero di trapianti di rene in famiglia stia iniziando ad aumentare, siamo lontani dagli altri paesi dell'Unione europea. Perché sta succedendo? - Prima di tutto, le famiglie dei pazienti hanno una conoscenza insufficiente di questo metodo di trattamento - afferma il prof. Rowiński. - Molte persone non sanno che è possibile funzionare normalmente con un rene. Da molti anni conduco incontri con famiglie e pazienti nei centri di dialisi, ognuno con la partecipazione di un nefrologo, chirurgo e sacerdote. Gli ascoltatori hanno spesso ammesso di non conoscere questa forma di trattamento. Alcuni hanno chiesto un ulteriore colloquio e hanno dichiarato la loro disponibilità a donare il rene a una persona cara. Prof. Piotr Kaliciński ha proposto di formare infermieri che lavorano nei centri di dialisi in modo che diventino coordinatori dei trapianti familiari. C'erano anche altre iniziative che promuovevano la donazione di reni alle famiglie, come la campagna "Close to me", ma la donazione familiare è ancora zoppicante. Non è solo la disinformazione a causare un numero insufficiente di trapianti di rene in famiglia. Su 100 persone che vogliono donare un rene a una persona cara, solo 35 soddisfano i requisiti. - Ogni persona che si presenta come donatrice deve sottoporsi a visite mediche complete - spiega il prof. Rowiński. - Se i risultati confermano, ad esempio, un'infezione delle vie urinarie, anche lieve ipertensione arteriosa, disturbi del ritmo cardiaco singolo, noduli nella ghiandola tiroidea o nel seno, il donatore viene squalificato. Un rene può essere prelevato solo da una persona completamente sana.

Il trapianto di rene costa meno della dialisi

- La donazione familiare è sicura - assicura il prof. Rowiński. - Il rischio statistico di morte durante il recupero del rene è solo del 3 per mille, che è molto basso. Senza un rene, puoi funzionare normalmente, lavorare, fare sport, anche in modo acuto come nel caso di Przemysław Saleta, che - come ricordiamo - ha dato il rene a sua figlia. Tuttavia, si deve onestamente ammettere che circa il 15 per cento. i donatori viventi sviluppano ipertensione nel tempo. Occasionalmente compare una leggera proteinuria, ma ciò non interferisce con la normale vita familiare e sociale. Questi costi relativamente bassi offrono grandi vantaggi: la vita di una persona cara e la liberazione dal tormento della dialisi frequente. Vale anche la pena considerare i vantaggi economici dei trapianti di rene. La cura e il trattamento di un paziente in dialisi richiedono circa 60mila. PLN ogni anno e talvolta dura diversi anni. Il trapianto costa la metà.

mensile "Zdrowie" Leggi anche: Dieta per persone costrette a letto. Quale dovrebbe essere la dieta per i pazienti allettati? Controlla quale donatore e ricevente di sangue sei. Hai una colonna vertebrale flessibile? Trapianto di cornea: come funziona un trapianto di cornea negli occhi? Tag:  Medicinali Diverso Notizia 

Articoli Interessanti

add